SKRC Q16

Abbiamo visto le caratteristiche tecniche del quadricottero SKRC Q16 nel precedente articolo, ora è il turno di una recensione completa, grazie a GearBest che ci ha gentilmente fornito un esemplare da testare.

Il quadricottero è disponibile al prezzo di 34,90€.

Acquista SKRC Q16 nero Acquista SKRC Q16 bianco

Pacco

Il pacco è arrivato in 9 giorni dalla Cina considerando però che c’erano i festeggiamenti del 25 Aprile in Italia:

SKRC Q16

La scarola era ricoperta da un sacchetto di nylor resistente e aderente e su questo video si può seguire l’unboxing passo passo:

Contenuto

Aprendo la scatola la prima cosa che si nota è che c’era un pezzo di materiale morbido non posto in ordine come tutto il resto: si trattava in realtà della leva di sinistra del radiocomando che è avvitata da una piccola vite sullo stesso e viene rivestita del materiale antiurto.

Difficile stabilire se risultasse staccata per urti durante il trasporto o semplicemente dei problemi in fase di assemblaggio, in ogni caso è bastato riavvitare la leva sulla sua sede per sistemare il tutto.

SKRC Q16Tutti i componenti si trovano nella parte superiore, mentre solo le eliche sono nel ripiano inferiore:

SKRC Q16Abbiamo quindi:

  • Drone
  • Piedini carrello di atterraggio
  • 4 protezioni eliche
  • viti
  • cacciavite
  • radiocomando
  • fissaggio per telefono
  • caricatore usb

SKRC Q16

La telecamera wifi era invece già montata, come pure la batteria era già dentro il suo alloggiamento.

SKRC Q16SKRC Q16Radiocomando

Il radiocomando è il classico presente in molti droni ed ha le leve asimmetriche (la sinistra parte dal basso, quella destra dal centro)

SKRC Q16

Il clip di fissaggio del telefono va montato sull’antenna del radiocomando e si fissa con le due viti in dotazione.

SKRC Q16

Quadricottero

Per montare i piedini oltre all’incastro va avvitata una vite: in uno dei tre piedini il foro nella plastica non era passante (difetto di fusione) ed è bastato avviare la vite dalla parte posteriore per creare il foro.

SKRC Q16

Anche le protezioni alle eliche vanno fissate con una vite.

SKRC Q16

Per installare l’applicazione per l’FPV sul telefono è bastato catturare con un lettore QR  il relativo codice sulla scatola del prodotto.

Prova

Diciamo subito che l’applicazione per l’fpv è molte semplice da usare, sopratutto per scattare o registrare video e seppure la qualità dell’immagine non è elevatissima, fa comunque il suo lavoro in FPV.

Va menzionato che l’FPV ha funzionato sempre, anche quando il drone è stato fatto volare molto lontano.

Per quanto riguarda il volo, il drone si è dimostrato stabile e facile da manovrare e la velocità più alta (che si attiva col pulsante di sinistra) non è elevata (anche se indispensabile quando si è outdoor e c’è un pò di vento), rendendo il quadricottero molto adatto a chi deve imparare.

L’headless mode si attiva spostando a sinistra un trimmer e ha funzionato a dovere, mente il ritorno a casa automatico (che si aziona spostando a destra lo stesso trimmer) ha quasi centrato la traiettoria, ma si è fermato a metà strada. Da sottolineare però che ha effettuato in automatico l’atterraggio (quando supponeva di essere arrivato a destinazione).

I flip si attivano col pulsante a destra e seguono l’orientazione della leva di destra: nessun problema anche ripetendo l’operazione più volte in sequenza.

Per estrarre la batteria bisogna far scorrere lo scomparto della telecamera che ha l’unico difetto di essere veramente sottile quindi conviene spingere piano quando lo si chiude. In questa operazione bisogna stare attenti a non staccare il cavetto di alimentazione della telecamera wifi.

Si riesce a inserire senza problemi anche batterie potenziate da 650mAh contro le 500mAh della batteria in dotazione.

Riguardo la telecamera wifi, forse l’unico difetto è che inquadra molto la parte bassa della visuale, ma molto dipende da come siete abituati a volare in FPV.

Un punto a favore invece vanno alle eliche anteriori verdi: si distinguono bene anche da lontano e permette di capire l’orientazione del quadricottero senza problemi.

Conclusioni

L’SKRC si presenta come un ottimo antagonista del Syma X5W:

  • stesso form factor
  • telecamera molto protetta
  • carrello di atterraggio alto
  • ottima stabilita
  • prezzo contenuto

per contro l’unico punto che è inferiore al Syma è la chiusura del copri batteria perchè molto sottile (già nel Syma non è il massimo comunque).

Note riassuntive finali

Quadricottero che rivaleggia con il Syma X5W.
Il ritorno a casa automatico non sembra molto preciso.
La telecamera da 720P è nella norma e l’FPV wifi non da problemi.
L’headless mode funziona senza problemi.
Adatto ai principianti che vogliono imparare al volare.
2 votes